RESTAURO DI: Materiali per restaurare accessori e personaggi(INFO)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

RESTAURO DI: Materiali per restaurare accessori e personaggi(INFO)

Messaggio  skyjacker il Gio 26 Gen 2012 - 10:46

Ho trovato questa utilissima descrizione sugli stucchi in commercio per riparare il vostro Big Jim(o altre AF) e gli accessori in plastica...

Tipi di stucco

Esistono fondamentalmente due tipi di stucco

Bicomponenti
Sono quegli stucchi costituiti da due parti che vanno mescolate perchè si inneschi un processo chimico che porta alla solidificazione del materiale.
Vantaggi:
Il primo vantaggio è che questi materiali non vanno cotti: può sembrare risibile, ma vi assicuro che non è semplici convincere madri e/o mogli ad utilizzare il forno per questi scopi.
Altro vantaggio è che possono essere utilizzati per modificare miniature in resina o plastica, materiali che ovviamente non sono idonei alla cottura (a tale proposito: gli stucchi bicomponenti resistono bene al calore quindi possono essere utilizzati anche contemporaneamente ai termosensibili)
Per quanto riguarda gli stucchi bicomponenti che ho avuto modo di provare e che elencherò in seguito, sono tutti miscelabili tra loro, il che garantisce il vantaggio non indifferente di poter unire le qualità di 2 o più stucchi (ovviamente si moltiplicano anche gli svantaggi, per cui si tratta di trovare un compromesso, e questo si ottine esclusivamente provando e riprovando)
Svantaggi:
Il tempo di lavorazione dipende dalla velocità della reazione chimica che porta all'indurimento del materiale, pertanto si deve lavorare sempre con piccole quantità e abbastanza in fretta (in genere il limite è di 2-3 ore)


Termosensibili
Sono i materiali che per solidificare hanno bisogno di essere cotti a temperature in genere variabili tra 100°-130°
Vantaggi:
il vantaggio più evidente è senza dubbio quello di concedere un tempo di lavorazione teoricamente infinito: fin tanto che lo stucco non viene cotto lo si può modellare a piacimento (vedremo in seguito che questo non è sempre verissimo, ma per lo più lo è)
Svantaggi:
Gli svantaggi sono complementari ai vantaggi dei bicomponenti: non possono essere utilizzati per modificare pezzi in resina o plastica e richiedono la cottura, con rischi di rilascio di fumi non proprio salutari.
Sono mediamente mescolabili tra loro, la mescolabilità dipende dalla temperatura di cottura, che generalmente è la stessa per materiali della stessa marca (quindi si può mescolare tranquillamente Fimo classic e Soft, oppure Super Sculpey nella versione normale e Firm)


Trascuro la descrizione di materiali che asciugano all'aria, tipo Das, perchè non sono utilizzabili se non per creare grossi volumi interni a poco prezzo.


Strumenti per scolpire
Altra domanda che mi viene rivolta spesso è quali sono gli strumenti da usare per scolpire.
Si può utilizzare su una miriade di oggetti, dagli aghi agli stuzzicadenti, dagli strumenti professionali ai pennelli con la punta di gomma.
Anche in questo caso è la pratica ad indicare la strada migliore. Attualmente io utilizzo solo tre pennelli in gomma misura 0, uno misura 2 per lavori più grossolani e un piccolo cutter.
Un consiglio che vale per tutti gli strumenti è quello di tenerli sempre umidi, preferibilmente con olio, ma molti usano anche alcool o white spirit.


STUCCHI BICOMPONENTI

GREEN STUFF (alias DURO alias KNEADATITE alias MATERIA VERDE)
La GS è uno stucco molto apprezzato soprattutto per le miniature in scala più piccola (28-32mm) dato che è ottima per i particolari.
Si tratta di un materiale molto morbido e appiccicoso, aderisce senza problemi a qualsiasi supporto e quindi è ottimo per le conversioni.
Ha un tempo di lavorazione intorno alle due ore.
Ha anche il pregio di consentire di mescolare le due componenti in percentuali diverse per rendere il composto meno morbido (aggiungendo componente blu) o più morbido (aggiungendo componente gialla).
Il principale difetto è che, anche una volta asciutta, rimane comunque "gommosa" rendendo molto complicato carteggiarla.
Altra caratteristica che alcuni (me compreso) ritengono un limite è la notevole appiccicosità, che obbliga a lavorarla con strumenti sempre umidi, ma è una cosa che si può mitigare mescolandola con materiali meno appiccicosi (Milliput o Magic Sculpt per esempio)
Reperibilità in Italia: Molto buona, si trova quasi in ogni negozio di modellismo e nei negozi che distribuiscono prodotti Games Workshop (quindi anche online attraverso il Mail Order della GW)
Utilizzo: la uso soprattutto per capelli barbe e pellicce, quasi mai pura però, ma sempre mescolata ad un 30% di Milliput a causa dei problemi di cui parlavo prima.


MILLIPUT
Materiale estremamente eclettico, utilizzabile in moltissime situazioni diverse.
In realtà ne esistono diverse versioni, dal più grossolano al più fino

- Milliput Terracotta
- Milliput Yellow-Grey
- Milliput Silver-Grey
- Milliput Black
- Milliput Superfine White

La differenza è nella composizione, il Superfine è quasi una pasta, tanto è vero che si usa anche diluirlo per fare dei "lavaggi", per esempio quando si deve lisciare una superficie ruvida.
Gli altri sono via via più granulosi, di questo se ne risente soprattutto in fase successiva all'asciugatura, dovendolo lavorare con limette o carta abrasiva, può capitare che nelle versioni meno "prestigiose" venga via qualche granulo costringendo ad ulteriori interventi di stuccatura.
Si può mescolare a Green Stuff o Brown Stuff per aumentarne elasticità e aderenza in fase di modellazione, senza che la rigidità a secco ne risenta.
Il tempo di lavorazione usandolo puro è di circa 1,5-2 ore, se mescolato ad altri materiali indurisce un pò prima.
Reperibilità in Italia: Buona, si trova in ogni negozio di modellismo decentemente fornito, sia online che "reale"
Utilizzo: non ho ancora trovato limiti all'utilizzo del Milliput, ci faccio di tutto, dai volumi (utilizzando il più economico Standard) ai particolari più minuti (mescolando il Superfine a piccole quantità di GS o BS)



BROWN STUFF
Molto simile al Green Stuff (alcuni la chiamano Brown Kneadatite) è ancora più morbida di quest'ultima, ma meno appiccicosa.
E' un materiale che si liscia con estrema facilità, il che lo rende ottimo per modellare armature a piastre, lame e simili, a maggior ragione perchè una volta asciutta si carteggia agevolemente.
Ha come difetto un tempo di lavorazione brevissimo (inferiore ad un'ora) il che costringe a lavorarla in quantità minime, ma d'altro canto finchè non si indurisce completamente (il che richiede comunque qualche ora) le si possono sovrapporre strati "freschi" con molta facilità.
Reperibilità in Italia: introvabile. Sono costretto ad acquistarla da Heresyminiatures
Utilizzo: soprattutto per lame e armature lisce.



MAGIC SCULP (o Magic Sculpt)
Non sono ancora riuscito a capire se ci sia differenza tra la versione con la "t" e quella senza, per ora ho provato solo quello senza quindi le mie impressioni si riferiscono a quello.
E' un materiale indicato soprattutto per superfici ampie, vista la facilità con cui si liscia (basta un pennello di setole bagnato), mentre a causa della sua fragilità a secco lo sconsiglio per particolari troppo poco spessi.
Anche questo limite può essere comunque ovviato aggiungendo una piccola quantità di GS alla mescola.
Il tempo di lavorazione è di un paio d'ore, ma più che con gli altri stucchi bicomponenti è necessario fare attenzione a mescolare le due componenti in proporzioni uguali, altrimenti ci sono problemi di essiccazione.
Reperibilità in Italia: Piuttosto difficile. Lo si può comprare online su qualche sito specializzato, oppure se si è fortunati in qualche fiera.
Utilizzo: superficie ampie, quindi mantelli e vestiti in genere, ma anche parti anatomiche. Sottolineo ancora una volta che queste sono le mie esperienze, alcuni professionisti lo utilizzano per scolpire figurini completi.



TAMIYA PUTTY
Molto morbido e facilmente lisciabile, va bene per scolpire muscolature, anche perchè risulta piuttosto rigido, e pertanto carteggiabile, una volta asciutto.
Ha un tempo di lavorazione molto lungo (fino a 3 ore) ma sia per la sua morbidezza sia per il suo colore molto chiaro, non è indicato per scolpire dettagli.
Reperibilità in Italia: Poco diffuso. Si trova solo in negozi di modellismo abbastanza ben forniti e a un prezzo piuttosto elevato
Utilizzo: l'ho utilizzato molto poco pertanto non ho consigli particolari in questo senso. Francamente, visto il prezzo, ne sconsiglio addirittura l'acquisto.



PROCREATE (alias GREY STUFF)
Altro materiale con rapporto utilità/prezzo decisamente sfavorevole. Si modella molto facilmente (è il materiale migliore per fare le cotte di maglia, secondo me) ma rimane troppo morbido anche quando si asciuga.
Come vantaggio ha un colore grigio che lo rende superbo per la "lettura" del pezzo.
Reperibilità in Italia: Introvabile. Anche in questo caso occorre rivolgersi all'estero
Utilizzo: come per il Tamiya Putty.




STUCCHI TERMOSENSIBILI

FIMO
Esiste in due versioni: Classic e Soft.
Entrambi sono disponibili in varie colorazioni e, anche se sembra strano, le caratteristiche cambiano a seconda del colore, ce ne sono di più o meno morbidi e di più o meno appiccicosi, per cui un elenco completo è impossibile.
Il mio consiglio è comunque di usare colori non troppo chiari nè troppo scuri per poter "leggere" meglio i particolari dei vostri lavori.
In grandi linee si può dire che il Soft è, come suggerisce il nome, la versione più morbida e facile da utilizzare, anche se come tutti i materiali morbidi, da qualche difficoltà nei particolari minuti.
Il Classic è al contrario molto rigido, il che costringe a manipolarlo a lungo per ammorbidirlo prima di iniziare una sessione di scultura; il vantaggio è che, lasciato a riposo dopo averlo modellato,recuperà la sua rigidità e consente lavorazioni successive senza troppo rischio di rovinare la parte già finita.
Una volta cotte, entrambe le versioni sono carteggiabili.
Un limite del Fimo è che non aderisce bene alle superfici metalliche, quindi se si utilizza uno scheletro di fil di ferro come guida per la scultura conviene ricoprirlo prima con uno strato di GS non troppo liscio (come ho scritto prima il calore della cottura non danneggia la GS)
Reperibilità in Italia: Ottima per il Soft, che si trova nei negozi di belle arti, in cartoleria, nei bricocenter, mentre il Classic si trova solo in alcuni negozi di belle arti.
Utilizzo: non amo il Fimo, quindi lo uso solo per fare volumi da ricoprire poi con materiali che ritengo migliori



CERNIT
Molto simile al Fimo, secondo me la giusta via di mezzo tra il Fimo Soft e il Fimo Classic, per cui lo preferisco a questi ultimi.
Anche il Cernit si trova in vari colori e anche in questo caso le caratteristiche dei vari colori variano leggermente.
Alcuni scultori suggeriscono il colore Champagne, ma io lo trovo troppo chiaro per leggere bene il pezzo.
Per il resto valgono le stesse considerazioni fatte per il fimo.
Reperibilità in Italia: Poco diffuso. Si trova solo in alcuni negozi di belle arti.
Utilizzo: come per il Fimo, lo uso solo per fare volumi o poco più



SUPER SCULPEY
Di colore rosa e leggermente trasparente, ha una consistenza piuttosto morbida se manipolato a dovere prima dell'utilizzo, ma se lasciato a riposo diviene un po' più rigido conservando bene la forma che gli è stata data.
Viene utilizzato per lavori in grande scala (per esempio i figurini Manga da 20 cm e oltre) nei quali le sue caratteristiche più vantaggiose (facile da lisciare e dalla buona aderenza) trovano la loro migliore applicazione.
Il colore molto chiaro lo rende poco pratico per i particolari a causa della difficoltà nel vederli, ma si può ovviare mescolandolo con il Firm.
Reperibilità in Italia: scarsa. L'unico ad esserne abbastanza fornito è gmgaragekits, con sede a Milano e presente di solito a Lucca Comics&Games. A di fuori di questo occorre acquistarlo all'estero.



SUPER SCULPEY FIRM
Parente del Super Sculpey (sono prodotti dalla stessa azienda), ha caratteristiche molto diverse da quest'ultimo, ad iniziare dal colore grigio scuro, che lo rende più indicato per i particolari.
E' molto facile da lisciare ed è molto rigido anche "fresco", il che lo rende lavorabile anche con una lama ben affilata, qualità che non ho riscontrato in nessun altro materiale. Il controaltare è una certa difficoltà di aderenza, occorre ammorbidire bene il materiale con le dita per farlo aderire bene alle superfici sottostanti, ma se si ha pazienza se ne possono utilizzare quantità davvero piccole e quindi lavorare su particolari minuscoli.
In ogni caso lo si può mescolare con Super Sculpey o meglio ancora con Fimo Soft per renderlo più aderente.
Reperibilità in Italia: Quaisi nulla. Anche l'importatore del Super Sculpey che ho già citato ne ha sempre quantità minime.




Ultima modifica di skyjacker il Gio 26 Gen 2012 - 17:50, modificato 1 volta
avatar
skyjacker
.:: Veterano ::.
.:: Veterano ::.

Numero di messaggi : 1676
Data d'iscrizione : 10.03.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum